Nera Luna, capitolo quattordici: Vino, fiamme e ipocrisia.

Carlo passò a prendermi in perfetto orario. Per l’occasione aveva addirittura prenotato una carrozza e, quando   il cocchiere aprì lo sportello e mi invitò ad entrare, mi sentii a disagio per tutta quella eccessiva raffinatezza. All’interno, c’era un enorme mazzo di rose e, seduto vicino all’apertura di luce, il mio cavaliere. Carlo era vestito […]

Read More Nera Luna, capitolo quattordici: Vino, fiamme e ipocrisia.

Nera Luna, capitolo 13: Un inaspettato invito a cena.

Carlo tornava da me tutte le sere, sempre con maggior desiderio e ogni volta con doni più costosi. Non chiese mai dove si trovasse Charlotte, né se stesse bene. Era viziato e vizioso; dava poca importanza alla vita altrui, soprattutto se non ne traeva profitto. Il più delle volte si comportava come un bambino alla […]

Read More Nera Luna, capitolo 13: Un inaspettato invito a cena.

Nera Luna, capitolo 12: La visita di Carlo del Moro.

La notte successiva al mio bacio con Maddalena, ero in camera e pronta a salire sul palco, quando bussarono alla porta. Era vietato disturbare le prostitute prima degli spettacoli e non ebbi difficoltà a immaginare chi potesse essere. Era Carlo del Moro: alto, slanciato, dai lineamenti signorili; portava i capelli pettinati all’indietro e gli occhi […]

Read More Nera Luna, capitolo 12: La visita di Carlo del Moro.

Nera Luna, capitolo 11: Fare la fine di Eugenie.

Dopo quel primo spettacolo, ne seguirono molti altri. Ogni notte, nuovi uomini combattevano per me: ero rara, un oggetto da mettere all’asta e vendere al miglior offerente. La mia immagine prese piede nei sogni perversi degli amanti e la mia preziosità mi permise di avere compagni danarosi ed educati: non subivo violenze, né strane richieste; […]

Read More Nera Luna, capitolo 11: Fare la fine di Eugenie.

Capitolo 10: La sensualità della locandiera.

Il giorno trascorse rapidamente, tra improvvisazioni, trucchi e cose da provare. Ester aveva portato, come promesso, gli abiti da cameriera più provocanti che aveva trovato, un secchio e una scopa. Era la prima volta che recitavo senza un copione e il terrore del fallimento mi agitava. Cercavo di concentrarmi e pensare a battute provocanti, ma non […]

Read More Capitolo 10: La sensualità della locandiera.

Nera Luna, capitolo nove: Quella puttana di Charlotte.

La prima notte al bordello non chiusi occhio: non riuscivo a togliermi di dosso la sensazione che qualcosa di brutto stesse per accadere. Alla mattina, quando il sonno stava finalmente per avere la meglio, qualcuno bussò insistentemente alla porta. « La colazione è pronta!» Sebbene quella voce fosse autoritaria, non era certo di Madame Melissa, ma […]

Read More Nera Luna, capitolo nove: Quella puttana di Charlotte.